Quali strumenti utilizzare per la lavorazione del cappotto termico?

 

I mesi di Marzo ed Aprile sono stati caratterizzati dall’avvio di un buon numero di cantieri soggetti ad Ecobonus. Da qui il grande numero di utensili, per la lavorazione del cappotto termico, acquistato dai rivenditori per la fornitura alle squadre dei Posatori. Quali strumenti utilizzare per la lavorazione del cappotto termico?

 

I materiali isolanti maggiormente utilizzati sono stati l’EPS (CL100 TR 150, λ =0,035 o 0,030) e la lana di roccia ( λ = 0,036) ambedue certificati CAM.

 

Utensili

 

L’acquisto ha riguardato:

  • taglierine professionali per pannelli in EPS
  • miscelatori  per la lavorazione di malte ed intonaci
  • cutter termici
  • guide per cutter termici
  • seghetti alternativi a batteria
  • levigatrici.

 

 

Collaborazioni per la fornitura di isolanti ed utensili

 

  1. Vitalvernici (Cicli di finitura per cappotto ed isolanti)
  2. Fix Line (Utensili per la lavorazione degli isolanti)
  3. Dbs (Isolanti).

 

 

Per quali strumenti utilizzare per la lavorazione del cappotto termico?

 

Informazioni e preventivi scrivimi all’indirizzo email [email protected]

Su www.soluzioniperediliziaeindustria.it puoi scaricare il catalogo FIX LINE
vitalvernici

Idropittura per strutture a secco

Idropittura per strutture a secco Mastercolor Universal fornita in cantiere a Firenze per la tinteggiatura di pareti divisorie a secco.

 

Cantiere ACG di Firenze

 

Iniziata la fornitura di Idropittura Mastercolor Universal e primer Isolprimer di Vitalvernici.

Prima dell’avvio delle lavorazioni sono stati eseguiti test di adesione del prodotto su lastre standard e in calcio silicato.

Le lavorazioni di finitura sono eseguite dal Gruppo Mafra di Napoli .

Isolprimer  è un isolante, fissativo ad acqua acrilico, per esterni ed interni.

Mastercolor Universal è una idropittura traspirante-lavabile  per interni ed esterni.

Ideale per pareti e soffitti in cartongesso.

 

Idropittura per strutture a secco:

Per informazioni 391 3567339
[email protected]

 

 

✅ Sistema con Termocappotto: come incollare e tassellare il pannello?

Incollare e tassellare a regola d’arte.

I metodi di incollaggio del pannello isolante in un sistema a cappotto

 

Due sono i metodi da seguire nell’incollaggio di un pannello isolante nel Sistema a Cappotto:

  • metodo a cordolo perimetrale e punti
  • metodo a tutta superficie.

Metodo a cordolo perimetrale e punti

 

Descrizione metodo a cordolo perimetrale e punti

 

 

Il metodo viene utilizzato quando il supporto non è planare, presenta delle irregolarità che non superino però 1 o 1,5 cm.

Si deve realizzare un bordo di collante (cordolo) lungo tutto il perimetro del pannello e due/tre punti di incollaggio al centro della lastra.

La copertura minima del collante deve essere almeno del 40%.

Particolare attenzione deve essere posta per evitare l’applicazione del collante sul bordo dei pannelli perché si potrebbero formare dei ponti termici a causa di un non corretto accostamento dei pannelli stessi.

 

 

 

 

Metodo a tutta superficie

 

Descrizione metodo a tutta superficie

 

La colla va applicata su tutta la lastra con spatola dentata a eccezione di una zona di circa 2 cm lungo i bordi del pannello per evitare lo sbordamento del collante e che si creino dei ponti termici.

Questo sistema va utilizzato nel caso di supporti con sufficiente planarità e con pannelli in lana di roccia, lana di vetro, sughero e PIR.

E’ necessario comprimere la superficie mediante frattazzo per fare entrare in contatto continuo e completo il collante con il supporto. L’incollaggio delle lastre richiede una essicazione di almeno 12 ore a seconda delle condizioni climatiche e atmosferiche.

 

 

 

 

 

 

Incollare e tassellare a regola d’arte.

 

Tassellatura

Lo schema di tassellatura è a T  o W

A T per pannelli EPS, EPS grafitato

A W per pannelli in lana minerale e fibra di legno

Il numero dei tasselli dipende dall’altezza dell’edificio.

Fonte: manuale tecnico Vitalvernici del   Sistema Cappotto Vitaltherm 

 

👉 Per informazioni 391 3567339 o scrivere alla pagina contatti

 

 

 

 

☑️ Cantiere con lana di vetro

Cantiere con lana di vetro imbustata scelta per cantiere a Linate (MI).

 

Ancora una volta la soluzione adottata per l’isolamento di un intercapedine in cartongesso è stata la lana di vetro.

 

Pannello in lana di vetro imbustato in PE nero autoestinguente

Il prodotto scelto presenta le seguenti caratteristiche:

La superficie delle pareti divisorie è di 1200 mq.

Fornitore D.B.S. di Villorba (TV).

 

Scarica la scheda tecnica del pannello 👉 💻
Per informazioni 391 3567339 sul Cantiere con lana di vetro

 

Agenzie, consulenze e marketing

 

Agenzie, consulenze e marketing

 

Agenzie, consulenze e marketing: 7 Gennaio 2019, aprivo la mia attività di agente.

 

A distanza di due anni, posso dire di avere raggiunto il mio obiettivo: offrire ai Clienti delle soluzioni per la completa realizzazione dell’involucro esterno dell’edificio, sia esso civile o industriale.

 

Questo obiettivo l’ho raggiunto con 6 produttori di soluzioni per edilizia:

 

Vitalvernici

Per l’isolamento termoacustico di facciata propongo soluzioni con Termocappotto; i cicli e gli isolanti sono forniti da Vitalvernici nel sistema Vitaltherm.

Fondamentalmente la richiesta del mercato, nel mio caso, si sta indirizzando verso cicli di finitura su isolanti quali l’EPS, EPS Graf. e la lana di roccia.

Per il cappotto con pannello isolante in EPS o EPS Graf., la mia proposta si fonda su un ciclo con malta adesiva e rasatura armata in polvere nonché strato di finitura con resine acriliche o silossaniche a seconda delle esigenze, con relativi primer colorati.

 

Nel caso della soluzione su pannello in lana di roccia propongo una malta adesiva e un doppio strato di rasatura armata con un prodotto composto da calce idraulica, bio pozzolana, resine…

La finitura colorata sarà un rivestimento a base di silicati di potassio previo primer in tinta.

Video dimostrativo.

Video dimostrativo.

 

New Coming

Posato il cappotto, sia in caso di nuova costruzione che di riqualificazione dell’edificio, propongo per la finitura dei particolati di facciata i sistemi con EPS resinato di New Coming.

In questo caso, i profili maggiormente utilizzati per la finitura di facciata sono:

 

  • bancali
  • ornie e spallette
  • angolari
  • cornicioni
  • rompi goccia
  • profili finestra.

All’interno dei cataloghi dei due produttori possiamo trovare soluzioni per l’installazione e la finitura quali: sigillanti, colle, primer e vernici.

I sistemi sono certificati EPD e ETA; gli isolanti sono muniti di CAM.

Video dimostrativo.

 

Fix Line

Tramite il catalogo Fix Line posso proporre al Cliente strumenti per la posa dei sistemi cappotto e dei profili:

 

  • miscelatori
  • taglierine
  • livelle
  • spatole dentate
  • trapani
  • seghe circolari
  • seghetti
  • tasselli…

Tutti gli strumenti per eseguire una posa a regola d’arte.

 

Isofom

Con il polietilene a celle aperte e chiuse, prodotto da Isofom, posso trattare acusticamente e termicamente i punti deboli del rivestimento, le aree con presenza di ponti termici ed acustici, le pareti perimetrali:

 

  • i cassonetti delle tapparelle
  • le prese d’aria delle cucine
  • i fori di ventilazione dei muri perimetrali
  • fasce desolarizzanti.

Video dimostrativo.

 

 

F.lli EConimo

Le coperture con profili metallici vengono utilizzate oltre che nell’edilizia prefabbricata anche in quella civile e commerciale.

Attraverso il catalogo di F.lli Econimo posso offrire ai Clienti soluzioni con profili in acciaio, alluminio e rame di diverso formato, altezza e spessore nonché la produzione della lattoneria.

 

 

DBS

Grazie a DBS sono in grado di offrire ai Clienti soluzioni isolanti in lana di vetro e lana di roccia da utilizzare in facciata ventilata e/o in copertura sotto lastra, pannello ed inoltre su solaio non calpestabile.

In aggiunta fornisco sistemi di isolamento termico, acustico e di resistenza al fuoco di tipo passivo.

 

Agenzie, consulenze e marketing

 

Per informazioni:

Stefano Penati

391 3567339

www.soluzioniperediliziaeindustria.it

 

 

New Coming

Cantieri con Ingenera

Cantieri con Ingenera: soluzioni in Eps prerasato per l’attenuazione dei ponti termici.

 

Profili per esterno in EPS prerasato

 

Si è giunti alla stesura del capitolato relativo ai sistemi in EPS prerasato da utilizzare per la correzione dei ponti termici in occasione della riqualificazione di facciate e posa di sistema di isolamento con Termocappotto.

 

Soluzioni profilo adottate:

 

 

Cantieri con Ingenera

Per informazioni 391 3567339

 

 

vitalvernici

Cantiere con Htherm Italia

Cantiere con Htherm Italia quasi ultimato

Stesura spatolato

Le caratteristiche cromatiche della finitura nel Sistema Cappotto incidono sul corretto funzionamento del sistema.

Mazzetta colori Vitalvernici
Mazzetta colori Vitalvernici

 

Il colore della facciata che potrebbe essere una scelta derivata, diventa una decisione fondamentale da prendere prima di progettare e scrivere il capitolato.

Per tale motivo, quando consegno la mazzetta colori per fare scegliere alla Committenza il colore di facciata, suggerisco la scelta di tre tonalità diverse per le campionature e di optare per colori con indici di riflessione elevati e non troppo scuri, se possibile compatibilmente ai gusti.

Questo se non ho potuto proporre il ciclo prima, in funzione del colore di facciata da realizzare.

 

 

Il colore preferito dal Cliente dipende da diversi fattori:

– dal colore esistente sulla facciata da ripristinare
– dal gusto della Committenza
– dalla moda
– dal prezzo.

 

Spatolato a base di resine silossaniche
Indice di riflessione 55%

Spesso la Committenza sceglie un colore con indice di riflessione medio/basso ed una tonalità scura.

L’Albedo di una superficie è la frazione di luce, di radiazione incidente che viene riflessa in tutte le direzioni. Indica il potere riflettente di una superficie.

La presenza di importanti sbalzi termici può causare delle sollecitazioni meccaniche sulla superficie tali da compromettere il modo in cui i singoli elementi del sistema cappotto (diversi strati quali isolante, adesivo, rasanti, fondi e spatolati) lavorano insieme. Questo fenomeno è inevitabile nel periodo estivo dove i rivestimenti con tinte scure possono raggiungere i 70/80°C.

 

 

 

 

Posa pannelli sfalsati
Posa pannelli sfalsati in lana di roccia e zoccolatura

 

 

Nel caso di questo cantiere, l’utilizzo di un pannello isolante in lana minerale ed uno spatolato con granulometria uguale o superiore a 1,2 mm è stata una scelta obbligata per fare si che i due prodotti assorbissero efficacemente le tensioni (e le potenziali fessurazioni) generate durante i cicli caldo-freddo per via del colore con tale indice di riflessione.

 

 

 

 

 

Cantiere con Htherm Italia quasi ultimato

 

Per informazioni 391 3567339
[email protected]

Isofom

Quale isolante acustico utilizzo?

Quale isolante acustico utilizzo? Soluzioni che mi piacciono di Isofom: polietilene.

 

Polietilene a celle aperte

 

Oggi abbiamo eseguito presso la sede di Htherm Italia una prova empirica per valutare la capacità di un isolante, come la lana di vetro ed il polietilene a celle aperte, di modificare la percezione acustica provocata dalla emissione di rumore da una fonte di normale utilizzo quale un telefono cellulare.

Innanzitutto abbiamo isolato internamente due cubi di uguale dimensione con due pannelli isolanti dello stesso spessore e densità, 50 mm/25 kg/mc.

 

 

 

Quindi rifatto una vecchia prova, uno “scherzo” che veniva eseguito in occasione di eventi fieristici per valutare, dal punto di vista esclusivamente empirico, la differenza di percezione di una fonte sonora schermata con la lana di vetro ed il polietilene.

Volutamente sono stati scelti due isolanti sintetici; da una parte il polietilene a celle aperte e dall’altra la lana di vetro. Una comparazione tra un isolante di origine sintetica/inorganica ed un materiale di origine sintetica/organica.

 

Puoi visionare la prova su https://lnkd.in/eCFpKgc.

 

Soluzioni che mi piacciono

 

Alcune considerazioni pratiche in fase di lavorazione del polietilene:

– il pannello si è tagliato facilmente,
– lo scarto, minimo, si è potuto gestire come rifiuto plastico e non speciale,
– non si è presentata la necessità di indossare sistemi di protezione individuale quali guanti ed occhiali, per maneggiare il pannello.

 

Quale isolante acustico utilizzo?

 

Per informazioni 391 3567339

Scarica qui il video

 

New Coming

Rifacimento bancali finestre in gres

News: rifacimento bancali finestre con soluzione in EPS e rivestimento in gres.

Soluzione New Coming per il rifacimento dei bancali/finestra

Rifare un bancale della finestra ha i suoi motivi progettuali:

  • sostituzione del vecchio manufatto in cattivo stato
  • correzione del ponte termico
  • riammodernamento dell’aspetto di facciata
  • soluzione più leggera e pratica
  • mantenimento del rivestimento lapideo.

 

Con la soluzione Bancale Gres, New Coming raggiunge lo scopo .

Un pannello in EPS lambda 0,033 W/m*K, rivestito di un rivestimento in gres di 3,5 mm a profondità variabile.

 

 

 

 

Vantaggi per la committenza

Maggiore resistenza a pressione
Resistente agli agenti atmosferici
Riduzione tempi e costi di installazione
Prestazioni idonee alla certificazione energetica ed all’ottenimento degli Ecobonus

 

 

Rifacimento bancali finestre in gres:

Per informazioni 391 3567339

Visita il sito www.soluzioniperediliziaeindustria.it

 

Nuovo cantiere con Applicazioni Edili

Nuovo cantiere con Applicazioni Edili di Rubiera (RE)

 

In partenza nuovo intervento per smaltimento eternit

 

Lastra in acciaio profilo ECO 20
Lastra grecata ECO 20

A Castenaso (BO), partirà a metà Dicembre un intervento di smaltimento di lastra in Eternit e sostituzione del manto di copertura in edificio industriale.

La soluzione adottata è:

  • isolante in fibra di vetro
  • lamiera grecata.

Prodotti utilizzati

Lana di vetro: pannello arrotolato, 24-25 kg/mc, lambda 0,034 spessore 180 mm.

Profilo in acciaio: ECO 20 sviluppo 1500 mm spessore 6/10 colore B/G.

La lana di vetro, con un lambda di 0,034 W/m*k, possiede una valore U<0,20 conforme al Decreto 6 Agosto 2020, in zona E.

Il profilo è munito di canaletto di drenaggio in prossimità del sormonto delle lastre per una maggiore sicurezza contro le infiltrazioni dell’acqua.

 

Nuovo cantiere con Applicazioni Edili

Per informazioni 391 3567339

 

Isofom

Come trattare una struttura metallica in una parete di tamponamento?

Come trattare una struttura metallica in una parete di tamponamento?

 

Sistemi a secco ed isolamento della struttura

 

Nella costruzione di edifici con strutture in acciaio, legno cemento, acciaio cemento i tamponamenti perimetrali sono costituiti da pareti a secco con strutture in acciaio, con utilizzo anche di sistemi a cappotto interni od esterni, sistemi di facciata ventilati.

 

Il trattamento termico ed acustico della strutture nei punti di contatto tra materiali di diversa natura è fondamentale per la riuscita del progetto.

 

Il polietilene ad alta densità e cellule chiuse è una soluzione:

  • pratica
  • efficace dal punto di vista tecnico
  • efficiente economicamente.

La soluzione: B-FLEX X NS

 

Polietilene spessore 3,3 mm

 

 

B-FLEX X NS è un nastro isolante mono o biadesivo per strutture in acciaio nelle pareti a secco con accoppiamento di lastre o laterizio, dietro facciata ventilata con rivestimenti di lastre cemento fibrorinforzato, alleggerito ed in gesso rivestito.

E’ producibile in diverse larghezze:

50 / 55 / 70 / 75 / 100 / 150 mm

Soluzioni con densità 50 / 100 Kg/m3
(estremamente flessibile e resistente alle lacerazioni)

 

 

 

 

Lunghezza 150 ml per la densità   50 Kg/m3

Lunghezza 120 ml per la densità 100 Kg/m3

Lunghezza 110 ml per la densità 150 Kg/m3

Lunghezza   55 ml per la densità 250 Kg/m3

 

Il nastro può:

  • staccare la struttura in acciaio dal solaio e dal soffitto, in un sistema multistrato di tamponamento
  • separare il profilo metallico (montante), della facciata ventilata, dal pannello di rivestimento che viene successivamente rasato ed intonacato.

Impiego:

  1. trattamento ed attenuazione del ponte termico
  2. protezione dall’umidità di condensa
  3. isolamento acustico
  4. diminuzione delle vibrazioni dovute al traffico in ambiente urbano.

 

Come trattare una struttura metallica in una parete di tamponamento?

Per informazioni 391 3567339

Contattami alla pagina.

 

 

 

 

 

 

Cantiere con Htherm Italia

Cantiere con Htherm Italia: sistema cappotto Vitaltherm Rock A1

 

Definito accordo di fornitura per sistema cappotto

 

 

Collante, rasante in polvere minerale a base calce
Collante, rasante in polvere minerale a base calce

 

 

Htherm Italia fornirà materiali per la realizzazione di un sistema cappotto su isolante in lana di roccia spessore 120 mm.

Il ciclo collante, doppia rasatura , primer e spatolato sarà fornito da Vitalvernici (Bari)

Gli accessori del cappotto da Fix Line (Ancarano-TE)

Gli isolanti da DBS (Lancenigo di Villorba-TV).

L’edificio è una villetta oggetto di riqualificazione energetica.

 

 

 

 

 

Per informazioni Stefano Penati 391 3567339

Vai alla pagina contatti

 

Isofom

Come ripristinare acusticamente una parete?

 

Come ripristinare acusticamente una parete in laterizio?

La soluzione proponibile in Polietilene è B-Flex HD F9, F12 e FW15

 

 

 

 

E’ una soluzione a basso spessore, ideale per il ripristino acustico di pareti esistenti in laterizio.

L’isolante in PE, multi densità, si utilizza accoppiandolo in opera o in stabilimento con lastre in cartongesso.

Diverse densità per diversi valori Rw:

F9 densità media 170 kg/mc spessore 9 mm

Rw prodotto = 20 dB
Rw prodotto + lastra = 26 dB

F12 densità media 200 kg/mc spessore 12 mm

Rw p = 23 dB
Rw p+l = 31 dB

FW15 densità media 190 kg/mc spessore 15 mm

Rw p = 25 dB
Rw p+l = 33 dB

Il pannello è provvisto su un lato di colla e pellicola protettiva per accoppiare la lastra all’isolante. La lastra più il materassino in PE può andare a placcare direttamente la parete o il pannello si incolla alla parete, divenendo base di appoggio per la struttura metallica alla quale si fissa la lastra di cartongesso.

Per informazioni Stefano Penati 391 3567339
Castegnato (BS) Lastra in acciaio prevernciata ECO 20

Soluzione per copertura: profilo ECO 20

 

Scheda tecnica ECO 20
Scheda tecnica ECO 20

 

Soluzione per copertura: profilo ECO 20

 

Portato a termine l’ampliamento del sistema di copertura presso KO-Kart di Castegnato (BS)

 

Le squadre di posatori di Applicazioni Edili Srl, Bovolenta (PD), hanno posato 2300 mq di lastra in acciaio preverniciata bianco/grigio, spessore 5/10, profilo ECO 20 di F.lli Econimo, Corte Franca (BS).

 

 

Si è trattato dell’ampliamento del sistema di copertura già esistente e del completamento di  370 mq di scossaline spessore 6/10.

L’intervento è stato realizzato in 5 giorni.

 

Per sapere di più sulla soluzione per copertura con profilo ECO 20 chiamami al 391 3567339 o contattami alla pagina

Cantiere con F.lli Econimo

Cantiere con F.lli Econimo, Corte Franca (BS).

 

Inizio cantiere

 

In partenza a giorni, nella provincia di Brescia, un nuovo cantiere con F.lli Econimo, produttore di lastre e pannelli per copertura.

In questo caso si deve, dopo lo smaltimento della copertura in Eternit, ripristinare  il manto di copertura con una nuova lastra.

 

Soluzione tecnica per il Cantiere con F.lli Econimo

 

Tra le diverse soluzioni, il profilo scelto è ECO 20 , una lastra in acciaio preverniciata bianco/grigio di spessore 5/10.

 

Lastre di copertura
Profilo ECO20 con canaletto di drenaggio

 

È il profilo più versatile dell’intera gamma di produzione e presenta quattro peculiarità:

  • indicato per coperture con bassa pendenza
  • ottima portata di carico con ampie luci di appoggio
  • disponibile in Alluminio, Acciaio e Rame
  • se in Alluminio, la lastra può essere curvata in opera (in funzione dello spessore a partire dai raggi di 7/8 metri).

 

Da osservare, nel profilo, il canaletto di drenaggio che rende sicuro il sormonto e ripara l’intradosso da infiltrazioni per fenomeni di risalita e “stravento”.

 

 

Per informazioni e preventivi invia la tua richiesta alla pagina contatti

Possiamo anche parlarne al 391 3567339

Lastre di copertura e solai

Lamiera Grecata ECO 40

A Settembre terminato cantiere in provincia di Pisa con lamiera grecata ECO 40.

 

Soluzione adottata in cantiere

 

Sulla copertura si è provveduto anche alla posa di pannello sandwich, in aggiunta alla lamiera grecata ECO 40, di spessore 80 mm in PUR.

 

lamiera Grecata
Lamiera Grecata in acciaio, alluminio, acciaio zincato,…

Soffermandosi sulla Lastra fornita da F.lli Econimo, la scelta del progettista è stata per una lamiera con profilo h 40, spessore 8/10 preverniciata B/G con panno anticondensa .

Copertura su edificio agricolo.

 

 

Da qui è scaricabile la scheda tecnica.

Per informazioni 391 3567339

 

Soluzioni per edilizia: SAIE 2020

Soluzioni per edilizia e industria al SAIE 2020: in occasione della manifestazione di Bologna sarò ospite di Vitalvernici e di New Coming.

 

Le soluzioni in EPS

 

Soluzione in EPS
Pannelli in EPS Graf. posati sfalsati

Con le soluzioni di Vitalvernici e New Coming, offro ai Clienti la possibilità di rivestire l’edificio con un sistema a cappotto in EPS, finito di rasatura e intonaco colorato, che si accosta a profili in EPS prerasato per il trattamento dei ponti termici e per la finitura della facciata.

Infatti, il sistema Vitaltherm Cappotto di Vitalvernici si affianca al sistema Energy Decor ed Easy Decor di New Coming.

Inoltre, tutte e due i produttori offrono soluzioni in EPS ed EPS grafitato a seconda delle esigenze di progetto.

 

 

 

I cataloghi

 

Puoi scaricare i cataloghi in calce alla galleria di alcune soluzioni adottate dal progettista.

 

 

Oltre ai cataloghi dei sistemi per esterno puoi scaricare il manuale tecnico per la corretta posa del termocappotto ed un video dimostrativo per la posa a regola d’arte del profilo.

 

 

vitalvernici
Sistema a cappotto, vernici e colori

Manuale tecnico Vitalvernici sistemi cappotto

 

New Coming
EPS Pre-rasato

Video posa profilo in EPS prerasato

 

Sei un professionista del Termocappotto? Chiamami per un incontro al SAIE 2020 di Bologna al numero 391 3567339 mi piacerebbe condividere i nostri progetti.

 

Avviati i lavori

Cantiere in corso

Cantiere in corso a Correggio (RE) per la ristrutturazione in edificio residenziale di 9 unità abitative.

 

FORNITURA

 

La fornitura all’impresa edile, per materiale e posa in opera, è in collaborazione con La Vetta Cappotti Srls di Mirandola (MO).

 

Idropittura

 

 

Il prodotto di Vitalvernici è Italpaint, idropittura a base di resine vinilversatiche ad alto potere coprente idonea all’utilizzo su qualsiasi superficie.

L’idropittura ha azione antimuffa e ottima traspirazione, di colore bianco opaco, da stendere con pennello o rullo di lana in due mani.

 

 

 

Per informazioni 391 3567339

vitalvernici

Soluzione nanotecnologica di Vitalvernici

Vitaltherm NANOSoluzione nanotecnologica di Vitalvernici: Vitaltherm NANO, sistema di isolamento interno a cappotto.

Frequentemente, l’isolamento termico interno è l’unica soluzione da prendere in considerazione se non è possibile aumentare la coibentazioni delle pareti di un edificio dall’esterno per vincoli urbanistici (distanza tra gli edifici, ingombro dei marciapiedi) o architettonici (edifici storici).

La soluzione Vitaltherm NANO impiega un pannello isolante nanotecnologico in Aerogel accoppiato ad una membrana traspirante in polipropilene armato con fibra di vetro, pensato per la realizzazione di isolamento termico interno a basso spessore .

Infatti il pannello in Aerogel, a fronte del suo basso valore di conducibilità termica, permette di ridurre la dispersione energetica recuperando spazio negli edifici civili, commerciali e residenziali.

 

Soluzione nanotecnologica di Vitalvernici

 

Vantaggi del pannello

 

I vantaggi del pannello Aeropan (R) sono molteplici:

  • minima conduttività termica Lambda = 0,015 W/mK
  • flessibilità e resistenza alla compressione, idrofobicità
  • facilità di posa
  • possibilità di utilizzarlo negli imbotti delle finestre e solai
  • risoluzione dei ponti termici.

 

Caratteristiche tecniche

 

Le caratteristiche del pannello sono veramente interessanti:

Pannello Aeropan

 

Se non è possibile riqualificare energeticamente un edificio dall’esterno, con l’impiego di un pannello di Aeropan spessore 60 mm otteniamo un valore U=0,25 (W/mqK) del solo isolante.

Tale valore è raggiungibile esternamente con un pannello in EPS dello spessore di 140 mm.

 

 

 

Anche in questo caso, come per i pannelli in EPS, EPS graf, lana di roccia o vetro, sughero utilizzati per le soluzioni a cappotto di Vitalvernici, il pannello è provvisto di certificazione CAM.

 

 

Soluzione nanotecnologica di Vitalvernici

 

Vitaltherm NANO

 

La scelta dello spessore del pannello varia da 10 mm a 60 mm. Deciso lo spessore dell’isolante si procede con le tradizionali fasi di posa di un ciclo cappotto fino alla seconda rasatura armata.

Dopo la stuccatura si procede con l’idropittura acrilica.

Nello specifico Vitalvernici, con il Sistema Vitaltherm NANO, ha inserito a catalogo un nuovo Ciclo di Finitura basato sul già performante Legacem V1 ( malta adesiva e rasatura armata da addittivare con cemento PTL 32,5) e la nuova idropittura Mastercolor AG+.

 

CICLO VITALTHERM NANO

 

Fasi di finitura del pannello:

 

  1. Legacem V1 malta adesiva da addittivare a cemento PTL 32,5 e stendere su tutta la superficie del pannello
  2. Tassellatura con tasselli ad espansione in nylon
  3. Legacem V1 rasatura armata sottile con rete di grammatura non inferiore a 150 gr/mq, di circa 3 mm
  4. Legacem V1 seconda rasatura per coprire la rete con spessore idoneo
  5. Ultimo strato di finitura con mano di Stucco a base cementizia applicato a spatola
  6. Primer AG+ fissativo
  7. Mastercolor AG+ idropittura all’acqua, acrilica agli ioni di argento.

 

 

Devi progettare un intervento di riqualificazione energetica chiamami al 391 3567339

Scrivimi alla pagina contatti del sito www.soluzioniperediliziaeindustria con la tua richiesta, è gratis

Chi sono e cosa faccio

 

Nuove soluzioni Cappotto Termico

Nuove soluzioni Cappotto Termico

Pubblicato a Luglio 2020 il nuovo catalogo Vitaltherm di Vitalvernici.

 

Pannelli isolanti

 

Inseriti tutti i pannelli isolanti prevedibili nella costruzione di un sistema cappotto termico:

 

 

 

  • EPS
  • EPS Black
  • Lana di roccia
  • Sughero biondo
  • PUR
  • Lana di vetro
  • Aerogel

 

 

 

 

NEW: pannello Aerogel lambda 0,015 W/mK

 

download

Le novità: pannello in Aerogel

 

 

Soluzioni isolanti con Certificati CAM

 

Tutte le soluzioni isolanti sono munite di CAM.

Nuovi pannelli ed inserimento di nuove Voci di Capitolato.

 

Scarica qui:

Vitaltherm CORK,  POLI, NANO

 

 

 

 

vitalvernici

Sistema Cappotto Termico sul mare

Sistema cappotto termico sul mare di Rimini: Luglio 2020. Sopralluogo con responsabile tecnico di Vitalvernici, Sig. Roberto Bosco, per la definizione del colore dello spatolato.

Scopo

Effettuate prove colore sulla base della mazzetta Vitalvernici per Sistema Cappotto Vitaltherm.

Sormonto rete
Sormonto rete

 

Inoltre si è provveduto a valutare la qualità della posa del sistema cappotto per pannelli isolante, adesivo, colla, tassellatura e doppia rasatura con rete.

Sistema Cappotto Termico sul mare: a pochi metri dalla spiaggia, la realizzazione del cappotto è stata eseguita in un cantiere per la costruzione di edificio ad uso abitativo e commerciale in Classe Energetica A,.

Da aggiungere che l’edificio utilizzerà un impianto fotovoltaico per la produzione di energia.

 

 

 

 

Prodotti utilizzati per il ciclo di finitura

 

Adesivo e rasante
Adesivo e rasante
  1. Ancorante e fissativo Isolprimer isolante acrilico anti sfarinante all’acqua con alto potere di penetrazione e che permette un forte ancoraggio; in aggiunta è anche utilizzabile su tutti i tipi di supporto uniformando l’assorbimento e rendendoli compatti
  2. Adesivo Legankol V2 in polvere premiscelata a secco con cemento Portland, sabbie selezionate, resine e additivi
  3. Pannello isolante In EPS 100 spessore 100 mm TR 150 lambda 0,031
  4. Dopo di che, una rasatura armata di rete 160 gr/mq con doppio strato di adesivo/rasante Legankol V2
  5. Fissativo in tinta Primer V1
  6. Per finire, rivestimento plastico murale Spatolato V1 a base di resine acriliche.

 

 

Per Informazioni

 

 

391 3567339

 

mails

 

[email protected]

 

vai alla pagina contatti e chiedi il nuovo catalogo oppure scarica il nuovo catalogo tecnico Vitalvernici #compraitaliano

 

Isofom

Soluzione in PE per Baffles

Soluzioni in PE bianco per baffles: B-FLEX NR

 

Per la costruzione dei pannelli è stato utilizzato polietilene a celle aperte, spelato su un lato.

 

Vantaggi ottenuti con la soluzione in PE:

  1. diminuzione del peso e dello spessore dei buffles rispetto all’utilizzo di altri materiali
  2. il pannello non è stato rivestito con altri prodotti
  3. è lavabile
  4. non è alterabile, mantiene nel tempo la sua dimensione e le sue prestazioni
  5. maggiore sicurezza in termini antinfortunistici.

 

Caratteristiche tecniche:

 

L’intervento per l’abbattimento dei tempi di riverbero è stato effettuato in una palestra. La diminuzione del tempo di riverbero ha superato di 8 volte i valori di riverbero prima del posizionamento dei baffles.

In aggiunta sono stati utilizzati per il fissaggio cavi in acciaio molto sottili e semplici rivetti.

 

Per concludere, la soluzione in PE per baffles ha un valore intrinseco sia nella versione a due pelli che nella versione spelata in quanto, con l’impiego del polietilene, si è dimezzata la quantità di pannelli necessari rispetto alla lana minerale, si è diminuito lo spessore dell’isolante con un risparmio significativo in termini di cubatura trattata.

Inoltre il materiale è facilmente riciclabile e non essendo un rifiuto speciale, come le lane, va inserito fuori dal cantiere nel recupero della plastica senza ulteriori costi nonché tempi di smaltimento.

 

Altri impieghi

 

Diversi sono gli impieghi della soluzione in PE: si trovano utilizzi nei locali pubblici, nelle strutture HO.RE.CA., negli ingressi degli edifici, nell’industria dei macchinari, al posto dei materiali bugnanti e piramidali,…

 

 

Per informazioni sulla soluzione

 

Chiama

391 3567339

 

www.soluzioniperedilziaeindustmailsria.it

 

profilo Instagram

 

 

Isofom

Soluzione per Automotive

 

Allestimento camper con PE accoppiato con alluminio puro

 

Soluzione per automotive: una soluzione di isolamento termico utilizzata nel settore Automotive è il Polietilene accoppiato con alluminio puro, siliconato internamente.

A seconda del campo di utilizzo, il Polietilene può diventare un materiale riflettente o conduttore.

Già impiegato per impianti radianti standard elettrici e pavimentazione flottanti, trova impiego nell’isolamento di camper e furgoni.

E’ un prodotto performante in quanto è gommoso ed elastico al tatto.

Se un lato è plastificato, l’adesivo non si appiccica sulle dite e  le mani; il materassino, se deve essere distaccato per un suo riposizionamento, non perde la sua adesività in quanto il collante resta sul pannello (caratteristica molto apprezzata, in  linea di produzione nella fase di allestimento da parte dell’operatore).

download

 

Scheda tecnica

 

 

PE accoppiato con alluminio puro

 

Perché si impiega il PE con alluminio puro?

 

 

Allestimento furgone con PE con doppio strato di alluminio puro adesivizzato su un lato
Pannello in PE con doppio strato di alluminio puro, adesivizzato su un lato.

Aderisce molto bene nelle nervature, negli angoli e nelle curve della superficie da trattare.

Non si gonfia.

Nessun problema di insaccamento come per altri isolanti e/o perdita di peso.

Inoltre è accoppiabile con diversi materiali quali lamiera metallica, alluminio, ABS e vetroresina abitualmente impiegati nella costruzione delle intercapedini per trattamento termico dei telai per cabine, vani di carico dei furgoni e per le dinettes dei camper.

Facilmente sagomabile, anche con una dima se necessario per le quantità dei particolari da costruire da disegno o con un semplice cutter ben affilato.

Può essere anche applicato alla superficie da trattare prima della sagomature con successivo taglio ad acqua.

E’ anche utile impiegare l’alluminio puro anziché quello retinato in quanto impedisce il formarsi di strappi e sfilacciamenti in fase di lavorazione manuale.

Lo spazio nell’intercapedine non subisce variazioni dimensionali, permette il passaggio di impianti elettrici nei corrugati e delle tubazioni idrauliche.

 

 

 

Caratteristiche tecniche

 

Caratteristiche tecniche:

  • spessore PE 3 mm
  • densità 30 kg/mc,  peso alluminio 86 g/mq
  • coefficiente di conducibilità termica  0,035 W/mK
  • temperatura di impiego -20°C +80 °C
  • trasmissione al vapore u>2500
  • rigidità dinamica 37 MN/mc
  • abbattimento acustico Rw 18 dB
  • riflettanza alluminio 85%
  • permeabilità al vapore alluminio <0,03 g/mq.

 

Prove di isolamento hanno evidenziato una differenza di temperatura di 35°C tra esterno ed interno nell’allestimento di furgoni isotermici.

 

mails

 

Per informazioni scrivimi

 

 

Contattami al 391 3567339

vitalvernici

Soluzione cappotto termico in Zona Climatica E

 

Soluzione cappotto termico in Zona Climatica E: in fase di avvio un progetto di riqualificazione energetica nel comune di Cantù per immobile residenziale.

 

Soluzione cappotto termico

Il progettista ha previsto interventi su:

  • involucro edilizio (facciata e copertura)
  • serramenti
  • balconi
  • impianti termici.

 

CAPPOTTO TERMICO E COPERTURA

Il comune di Cantù è ubicato in zona climatica E. Per la riqualificazione energetica dell’edificio il nostro ambito di intervento è la modifica dei valori di trasmittanza di facciata per le strutture opache verticali e orizzontali di copertura (vedi riferimenti tabella ANIT di seguito):

  • sulla base della tabella 1, si può ipotizzare l’utilizzo di un sistema a cappotto in lana minerale o in EPS+grafite rispettivamente di spessore 140 mm o 120 mm.

Valori trasmittanza strutture opache verticali

 

 

 

 

Tabella delle trasmittanze previste per zone climatiche in strutture opache verticali.

 

 

 

 

 

  • e per la copertura, con riferimento la tabella 2, un feltro in lana minerale (vetro o roccia) spessore 160 mm.

Valori trasmittanza strutture di copertura

 

 

 

 

Tabella delle trasmittanze previste per zone climatiche in copertura sottotetto non calpestabile.

 

 

 

 

 

A fronte della documentazione fotografia inviata dal Cliente con la RDO si prevede per il cappotto:

  1. zoccolatura in XPS
  2. ciclo di rasatura e finitura che preveda l’utilizzo di malta adesiva in pasta e uno spatolato silossanico (zona collinare e presenza di umidità di risalita lato est in corrispondenza della pendenza del piano stradale e del verde)
  3. sistema di fissaggio dei pannelli con tassello in acciaio e rondella isolante
  4. altezza massima del pannello che tenga conto del regolamento comunale in merito alla distanza tra gli edifici sul fronte strada.

 

Per l’isolamento in copertura, sarebbe utile anche valutare l’imbustaggio del materiale isolante.

 

ISOLAMENTO TRA EDIFICI CONFINANTI

In merito alle strutture opache verticali c’è la necessità di intervenire con un cappotto interno sul lato ovest in appoggio all’edificio confinante.

In questo caso cappotto in lana minerale e/o sintetico organico con lastra in cartongesso.

 

ATTIVITA’ COMMERCIALI

Doga in lana di roccia
CGL 20cy doga il lana di roccia

 

 

Nell’edificio sono presenti dei negozi.

Per tale motivo, si potrebbero determinare dei ponti termici, tra l’ambiente al piano terra ed il secondo solaio, ad attività chiusa specie in periodo invernale.

Conseguentemente si deve prevedere una soluzione con controsoffittatura o con placcaggio del solaio del secondo piano con doga in lana di roccia finita con silicati di potassio (più veloce, più economica e meno invasiva).

 

 

 

 

RIFINITURE FACCIATA

Spesso negli edifici costruiti prima degli anni ’60 sono presenti molti particolari di rivestimento sulle facciate come:

  • finestre con bancali e spallette in pietra,
  • lesene
  • marcapiano in pietra
  • ingressi con architravi e antefisse…

 

Prima 2

 

 

Nel caso dell’edificio oggetto di riqualificazione, nelle finestre sono presenti bancali di pietra che andranno sostituiti con pannelli in EPS prerasato lambda 0,034 uguale a quello della lana minerale.

Come risultato, il bancale in EPS sarà rifinito con pittura acrilica al quarzo.

 

 

 

Soluzione ISO DROP

Stato dei balconi

 

In aggiunta, i balconi saranno isolati con cappotto e con l’EPS prerasato si costruirà un sistema anti-goccia diminuendo così il ponte termico.

 

FORNITURA: soluzione cappotto termico in Zona Climatica E

Vitalvernici fornirà:

  • isolanti per cappotto + cicli + assistenza cantiere + 3 prove colore gratuite
  • isolante per sottotetto
  • ciclo di incollaggio e finitura sui bancali ed i profili in EPS prerasato (New Coming) a base di quarzo + assistenza + due prove colore gratuite
  • doga in lana di roccia con cicli di finitura ai silicati di potassio (Sistema Vitaltherm CGL).

 

Per informazioni 3913567339

Per condividere  soluzioni e collaborazioni contattami

 

Isofom

Soluzione per isolamento termoacustico di guide e montanti

Soluzione Isofom per isolamento termoacustico di guide e montanti

 

Oggi desidero parlare di una nuova proposta di valore tra i prodotti a catalogo delle aziende con le quali collaboro.

 

Isofom è leader europeo nella produzione di Isolanti e accessori fonoassorbenti, fono impedenti e antirombo in Polietilene (PE).

Tra i suoi prodotti, B-Flex X HD 250 è un innovativo sistema isolante termoacustico in PE, multi densità e multi strato, utilizzato su guide e montanti di strutture metalliche per cartongesso.

 

Isolante multidensità

Il binario è/ha:

  • prestazionale, è un elemento separatore per strutture, smorza la propagazione del suono; il solo prodotto migliora acusticamente la struttura di 19 dB, ha una rigidità dinamica di 60 MN/mc
  • facile da posare (può essere fornito con mono o bi adesivo)
  • densità media di 170 kg/mc
  • una conducibilità di 0,039 W/mK
  • resistente nel tempo (ottima resistenza a muffe ed insetti)
  • un’assorbimento all’acqua di 0,26% in volume
  • stabile termicamente
  • non contiene CFC
  • disponibile sempre a magazzino nelle quantità necessarie al Cliente.

 

Soluzione Isofom per isolamento termoacustico di guide e montanti:

Prodotto

 

Dimensioni

B Flex X HD 250

Binario termoacustico in PE
Binario termoacustico in PE

 

Spessore 9 mm colore grigio o bianco

Personalizzabile a seconda del numero di lastre con binario doppio e spessore della struttura da 50, 75, 100 mm; il binario può essere da 12 o 24 mm

 

 

 

 3 tipologie del binario-sede profilo

12 mm -spessore struttura- 12 mm

24 mm -spessore struttura- 24 mm

12 mm -spessore struttura- 24 mm

 

Prezzo di B Flex X HD mono adesivo

B Flex X HD 250 12-50-12 mm spessore 9 mm, lunghezza 1000 mm ………………………… 2,30 euro/barra

B Flex X HD 250 24-50-24 mm spessore 9 mm, lunghezza 1000 mm ………………………… 2,80 euro/barra

 

Prezzo di B Flex X HD bi adesivo

B Flex X HD 250 12-50-12 mm spessore 9 mm, lunghezza 1000 mm ………………………… 2,90 euro/barra

B Flex X HD 250 24-50-24 mm spessore 9 mm, lunghezza 1000 mm ………………………… 3,40 euro/barra

 

Per maggiori informazioni chiama il 391 3567339 o vai alla pagina contatti

Per richiedere il listino completo, offerta o fare un ordine [email protected]